Sentiero Maria Lai

Questo splendido sentiero all'interno dei Tacchi dell'Ogliastra, dedicato alla grande artista contemporanea locale, muove nello splendido e incontaminato paesaggio del comune di Ulassai, in provincia di Nuoro, e viene indicato come C–504

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Il sentiero Maria Lai è un percorso dove arte e natura si fondono in un perfetto connubio. L’itinerario che attraversa la splendida regione dei Tacchi d’Ogliastra, infatti, è dedicato alla famosa artista contemporanea sarda. Il tracciato muove nello splendido e incontaminato paesaggio del comune di Ulassai, in provincia di Nuoro, e viene indicato come C – 504.

Questo percorso è pensato per escursionisti esperti e si snoda per circa tre chilometri partendo dal centro cittadino per poi farci ritorno. Nel tragitto i visitatori potranno ammirare l’aspra natura ogliastrina ricca di importanti elementi botanici e paesaggistici. Oltre ai numerosi punti panoramici che dominano la vallata Comida Lecca – Costa Ulassa, si avrà la possibilità anche di visitare le splendide Grotte di Su Marmuri. Nel mentre gli escursionisti potranno entrare a contatto direttamente con l’arte contemporanea. Potranno infatti innamorarsi delle molte opere dell’artista natia di Ulassai come la “Strada del rito”, la splendida “Via Crucis” o “Le capre cucite”.

Il tracciato si può percorrere in un’ora e mezza circa. Si inizioanel centro di Ulassai, vicino l’opera “il Lavatoio di Maria Lai e Nivola”. Per il primo chilometro il sentiero viaggia su uno sterrato fino alle Grotte di Su Marmuri. Qui incrocia l’itinerario omonimo raggiungendo quota 800 metri. Nel secondo tratto si arriva fino al versante collinare che si affaccia su Osini per poi cominciare a fare ritorno verso Ulassai. Tornati in paese si può visitare il museo La Stazione dell’arte, ospitato proprio all’interno dell’ex stazione ferroviaria della cittadina. Il polo museale è unico nel suo genere perché possiede la più ampia collezione, centocinquanta opere, della grande artista contemporanea Maria Lai. Per visitarlo gli adulti pagano cinque euro mentre i bambini possono accedere gratuitamente.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Su Marmuri

Un altro splendido sentiero all’interno dei Tacchi d’Ogliastra: un percorso ad anello che parte dalla splendida cittadina di Ulassai e vi fa ritorno dopo 16,3 chilometri tra grotte misteriose, stupefacenti cascate e maestosi altopiani calcarei

Punta Corongiu

Nei suoi 6 chilometri, il sentiero verso Punta Corongiu è considerato uno dei percorsi più belli (ma anche impegnativi) fra quelli dei Tacchi d’Ogliastra. La vista all’arrivo, però, è davvero mozzafiato.

Montarbu-Perda Liana

Un itinerario di trekking affascinante, da una delle vette più alte della zona, che permette di spaziare con lo sguardo su tutte le bellezze dell’ogliastra, fino al maestoso tacco di Perda Liana costeggiando la voragine carsica di Su Stampu.

Consigliati per te
I culurgiones sono considerati una lecornia tipica sarda

Culurgiones

Il piatto più tipico dell’Ogliastra è un raviolo di pasta, ripieno principalmente di patate e formaggio ma dalle tante varianti. Una delizia difficile da scordare

La festa si tiene in due giorni, nell’ultimo weekend di giugno.

Festa di San Pietro in Golgo

In bilico fra sacro e profano, la festa che si tiene l’ultimo week end di giugno nella chiesta campestre di Baunei è ormai da secoli uno degli eventi più caratteristici dell’estate in Ogliastra.

Foto_grappoli_uva_jerzu

Calici di stelle a Jerzu

Nella notte di San Lorenzo si celebra il vino circondati dai vigneti e compiendo un percorso enogastronomico tra le prelibatezze locali