Sa Portiscra-Cala Luna

Dalla montagna al mare attraverso uno dei più impegnativi sentieri della Sardegna: quasi 22 km e oltre 900 metri di dislivello altimetrico

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Tutti conoscono Cala Luna, una delle spiagge più note della Sardegna. La celebre lingua di sabbia sorge alla foce di un torrente (Codula ‘e Luna) che separa i territori di Baunei e Dorgali, che se ne contendono la paternità. Molti meno sanno che la spiaggia è anche la meta di un percorso di trekking. Affascinante e complicato, Sa Portiscra-Cala Luna è uno dei più importanti sentieri della Sardegna. 

Sa Portiscra-Cala Luna è difficile per la lunghezza, in parte per le differenze d’altitudine (da quasi 1.000 m al livello del mare). In parte, poi, per i diversi tipi di terreno che si incontrano sul cammino. La lunga camminata (22 km) parte da Sa Portiscra, in territorio di Urzulei. Qui sorge un’oasi faunistica, scelta anni fa per la reintroduzione nel del cervo sardo. All’interno dell’oasi, grande circa 10 ettari, oltre agli animali (fra cui mufloni e cinghiali) sono visitabili le tradizionali strutture delle attività agropastorali.

Il sentiero della Sardegna B-181 è un percorso estremamente apprezzato per il contrasto mare-montagna. Ma offre e garantisce anche numerosi spunti di interesse. Dalla fauna della zona alle specie vegetali endemiche. Dai siti di interesse archeologico (il villaggio nuragico di Or Murales) fino alle bellezze panoramiche. Lungo la camminata sono diversi i punti che permettono di osservare dall’alto il Supramonte di Urzulei e i territori di Baunei e Orgosolo. Oltre, naturalmente, al Golfo di Orosei.

Continuando il vostro itinerario attraverso il canyon di Codula ‘e Luna, formatosi grazie all’erosione dell’antico torrente che scendeva dalla montagna, si raggiunge la spiaggia di Cala Luna. Il punto d’arrivo del sentiero è caratterizzato da sabbia grossa mista a sassi. Acque trasparenti contrastano con ripidissime pareti di roccia. Oltre che attraverso il sentiero, Cala Luna è raggiungibile anche in barca da Arbatax, Santa Maria Navarrese e Cala Gonone.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Genna Silana-Gorropu

Il trekking dal passo di Genna Silana alla gola di Gorropu è un percorso in salita abbastanza impegnativo, che regala però una vista mozzafiato sul canyon più famoso della Sardegna.

Pranedda Ollastu-Nuraghe Adoni

Dalla vedetta di Pranedda Ollastu al Nuraghe Adoni, questo itinerario di circa 5 km permette di passare in circa due ore dalle rive del fiume Flumendosa all’affascinante sito archeologico di Adoni

Montarbu-Perda Liana

Un itinerario di trekking affascinante, da una delle vette più alte della zona, che permette di spaziare con lo sguardo su tutte le bellezze dell’ogliastra, fino al maestoso tacco di Perda Liana costeggiando la voragine carsica di Su Stampu.

Consigliati per te
Sa Trattalia è un piatto tipico della cultura agropastorale sarda

SA TRATTALIA

Un piatto in cui tutto, dalla scelta delle parti dell’agnello meno comuni da trovare in commercio alla cottura lenta sul fuoco, rimanda alle tradizioni pastorali, a ritmi e sapori di tempi antichi.

foto_seui

PERCORSO MUSEALE MONUMENTALE SEHUIENSE

Il cuore di questo paese della Sardegna del Sud è caratterizzato da case in pietra di scisto che popolano strade tortuose nell’architettura del centro storico di chiaro impianto medioevale.

La festa si tiene in due giorni, nell’ultimo weekend di giugno.

Festa di San Pietro in Golgo

In bilico fra sacro e profano, la festa che si tiene l’ultimo week end di giugno nella chiesta campestre di Baunei è ormai da secoli uno degli eventi più caratteristici dell’estate in Ogliastra.

Sa Tappara - Oltre alle bellezze culturali, il sentiero permette agli escursionisti di apprezzare anche le bellezze paesaggistiche del luogo

Festival dei Tacchi

Per l’edizione 2016 della rassegna teatrale in scena Marco Paolini, Toni Servillo, Giancarlo Biffi e Marco Manchisi