Il Selvaggio Blu

Conosciuto in tutta Europa e anche oltre (anche il New York Times gli ha dedicato un articolo) il Selvaggio blu è per molti "il trekking più difficile d'Italia"

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Nel territorio del comune di Baunei si nasconde un percorso incredibile che si snoda tra falesie, cale, grotte e fiumi, immerso nella stupenda macchia mediterranea dell’isola. Si tratta del sentiero Selvaggio Blu, definito da molti il “trekking più difficile d’Italia”.

Sette tappe, percorribili in altrettanti giorni, per un’esperienza unica a stretto contatto con la natura incontaminata. Durante il giorno, camminando su antichi sentieri di carbonai e pastori, è possibile ammirare panorami che tolgono il fiato. Ma anche cimentarsi in arrampicate e calate in corda doppia. Dopo le fatiche della tappa giornaliera si può trovare ristoro per la notte negli ovili del posto o direttamente in spiaggia. Per visitare al meglio le splendide falesie a picco sul mare è caldamente consigliato ricorrere a una guida a pagamento. Il Selvaggio Blu è considerato un sentiero dalla difficoltà medio-alta. Il periodo consigliato per percorrerlo è quello primaverile e autunnale.

Il percorso può essere diviso in sette tappe, che daranno la possibilità agli escursionisti di visitare il tratto compreso tra Pedra Longa e Cala Fuili, nel territorio di Baunei. La prima, relativamente breve, arriva fino a Cuile De us Piggius e dura “solo” tre ore, ma percorrendo ben 625 metri di dislivello. Nella tappa successiva si arriva fino a Portu Cuau attraversando un tratto del percorso particolarmente suggestivo. Qui antiche mulattiere si alternano a ingegnose scale in ginepro. Le ore di cammino sono circa sei, per un dislivello di 210 metri. La terza tappa permette agli escursionisti di arrivare a Cala Goloritzè ed è il primo vero scoglio del Selvaggio Blu. In questo caso le ore di cammino sono otto, con un dislivello in salita di 565 metri. La fatica è ripagata dalla bellezza della cala di arrivo, dove sarà possibile dormire e ammirare l’alba prima di rimettersi in cammino.

La tappa successiva, la più impegnativa, arriva fino a Bacu Mudaloru. Per la prima volta gli escursionisti potranno cimentarsi nell’arrampicata, continuando poi il sentiero in salita. Per concluderla è necessario affrontare tre ripidi canaloni che scendono da pareti sospese facendo uso della corda per le discese. La quinta tappa che arriva fino a Cuile Piddi comincia con una salita in pietraia da percorre in cinque ore per 400 metri di dislivello. Anche in questa fase del percorso sarà possibile cimentarsi in arrampicate e discese in corda doppia.

Il giorno successivo si arriva fino a Cala Sisine, per il tratto del sentiero che viene chiamato la “tappa dei boschi”. In questa parte si ha la possibilità di attraversare le foreste di Biriola, Orronnoro e Sisine. Il traguardo, che si raggiunge in circa sei ore di cammino e una serie di arrampicate esposte, è costituito da una splendida cala. La settima e ultima tappa è quella che conclude il sentiero a Cala Fuili, passando per Cala Luna. Negli ultimi anni in quest’ultimo tratto è stata aperta una variante che collega Cala Sisine a Cala Luna. Molto più vicina alla costa rispetto al percorso originale, permette agli escursionisti di godersi lo splendido panorama che li circonda.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Su Marmuri

Un altro splendido sentiero all’interno dei Tacchi d’Ogliastra: un percorso ad anello che parte dalla splendida cittadina di Ulassai e vi fa ritorno dopo 16,3 chilometri tra grotte misteriose, stupefacenti cascate e maestosi altopiani calcarei

Punta Corongiu

Nei suoi 6 chilometri, il sentiero verso Punta Corongiu è considerato uno dei percorsi più belli (ma anche impegnativi) fra quelli dei Tacchi d’Ogliastra. La vista all’arrivo, però, è davvero mozzafiato.

Sa Portiscra-Cala Luna

Dalla montagna al mare, quello fra Sa Portiscra e Cala Luna è uno dei sentieri in Sardegna tra i più impegnativi: quasi 22 km e oltre 900 metri di dislivello altimetrico prima di approdare alla splendida spiaggia in territorio di Baunei.

Servizi e Contatti

Consigliati per te
spirit of sardinia rosse rosse blues

Rocce Rosse & Blues

Dal 28 luglio al 17 agosto a Marina di Cardedu si esibiranno artisti del calibro di Stefano Bollani, Edoardo Bennato e Cristiano de André.

Sa Trattalia è un piatto tipico della cultura agropastorale sarda

SA TRATTALIA

Un piatto in cui tutto, dalla scelta delle parti dell’agnello meno comuni da trovare in commercio alla cottura lenta sul fuoco, rimanda alle tradizioni pastorali, a ritmi e sapori di tempi antichi.