Il Selvaggio Blu

Conosciuto in tutta Europa e anche oltre (anche il New York Times gli ha dedicato un articolo) il Selvaggio blu è per molti "il trekking più difficile d'Italia"

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Nel territorio del comune di Baunei si nasconde un percorso incredibile che si snoda tra falesie, cale, grotte e fiumi, immerso nella stupenda macchia mediterranea dell’isola. Si tratta del sentiero Selvaggio Blu, definito da molti il “trekking più difficile d’Italia”.

Sette tappe, percorribili in altrettanti giorni, per un’esperienza unica a stretto contatto con la natura incontaminata. Durante il giorno, camminando su antichi sentieri di carbonai e pastori, è possibile ammirare panorami che tolgono il fiato. Ma anche cimentarsi in arrampicate e calate in corda doppia. Dopo le fatiche della tappa giornaliera si può trovare ristoro per la notte negli ovili del posto o direttamente in spiaggia. Per visitare al meglio le splendide falesie a picco sul mare è caldamente consigliato ricorrere a una guida a pagamento. Il Selvaggio Blu è considerato un sentiero dalla difficoltà medio-alta. Il periodo consigliato per percorrerlo è quello primaverile e autunnale.

Il percorso può essere diviso in sette tappe, che daranno la possibilità agli escursionisti di visitare il tratto compreso tra Pedra Longa e Cala Fuili, nel territorio di Baunei. La prima, relativamente breve, arriva fino a Cuile De us Piggius e dura “solo” tre ore, ma percorrendo ben 625 metri di dislivello. Nella tappa successiva si arriva fino a Portu Cuau attraversando un tratto del percorso particolarmente suggestivo. Qui antiche mulattiere si alternano a ingegnose scale in ginepro. Le ore di cammino sono circa sei, per un dislivello di 210 metri. La terza tappa permette agli escursionisti di arrivare a Cala Goloritzè ed è il primo vero scoglio del Selvaggio Blu. In questo caso le ore di cammino sono otto, con un dislivello in salita di 565 metri. La fatica è ripagata dalla bellezza della cala di arrivo, dove sarà possibile dormire e ammirare l’alba prima di rimettersi in cammino.

La tappa successiva, la più impegnativa, arriva fino a Bacu Mudaloru. Per la prima volta gli escursionisti potranno cimentarsi nell’arrampicata, continuando poi il sentiero in salita. Per concluderla è necessario affrontare tre ripidi canaloni che scendono da pareti sospese facendo uso della corda per le discese. La quinta tappa che arriva fino a Cuile Piddi comincia con una salita in pietraia da percorre in cinque ore per 400 metri di dislivello. Anche in questa fase del percorso sarà possibile cimentarsi in arrampicate e discese in corda doppia.

Il giorno successivo si arriva fino a Cala Sisine, per il tratto del sentiero che viene chiamato la “tappa dei boschi”. In questa parte si ha la possibilità di attraversare le foreste di Biriola, Orronnoro e Sisine. Il traguardo, che si raggiunge in circa sei ore di cammino e una serie di arrampicate esposte, è costituito da una splendida cala. La settima e ultima tappa è quella che conclude il sentiero a Cala Fuili, passando per Cala Luna. Negli ultimi anni in quest’ultimo tratto è stata aperta una variante che collega Cala Sisine a Cala Luna. Molto più vicina alla costa rispetto al percorso originale, permette agli escursionisti di godersi lo splendido panorama che li circonda.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Su Marmuri

Un altro splendido sentiero all’interno dei Tacchi d’Ogliastra: un percorso ad anello che parte dalla splendida cittadina di Ulassai e vi fa ritorno dopo 16,3 chilometri tra grotte misteriose, stupefacenti cascate e maestosi altopiani calcarei

Punta Corongiu

Nei suoi 6 chilometri, il sentiero verso Punta Corongiu è considerato uno dei percorsi più belli (ma anche impegnativi) fra quelli dei Tacchi d’Ogliastra. La vista all’arrivo, però, è davvero mozzafiato.

Sa Portiscra-Cala Luna

Dalla montagna al mare, quello fra Sa Portiscra e Cala Luna è uno dei sentieri in Sardegna tra i più impegnativi: quasi 22 km e oltre 900 metri di dislivello altimetrico prima di approdare alla splendida spiaggia in territorio di Baunei.

Servizi e Contatti

Consigliati per te
spirit of sardinia rosse rosse blues

Rocce Rosse & Blues

Dal 28 luglio al 17 agosto a Marina di Cardedu si esibiranno artisti del calibro di Stefano Bollani, Edoardo Bennato e Cristiano de André.

Il Porcetto allo spiedo o maialetto sardo

Porcetto allo spiedo

Preparazione meticolosa e una cottura lentissima per uno dei piatti tipici della Sardegna più amati, diffusissimo anche in Ogliastra

foto_seui

PERCORSO MUSEALE MONUMENTALE SEHUIENSE

Il cuore di questo paese della Sardegna del Sud è caratterizzato da case in pietra di scisto che popolano strade tortuose nell’architettura del centro storico di chiaro impianto medioevale.

foto_seui_paese

Su Prugadoriu a Seui

L’Halloween seuese, da tradizione antica dei bambini per alleviare le sofferenze delle anime, diventa festa popolare tra prodotti tipici e artigianato locale