Genna Filixi-Perda Liana

Uno dei sentieri più suggestivi di tutta l’Ogliastra è quello che si sviluppa ai piedi del grande tacco calcareo di Perda Liana, nel territorio di Gairo

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Il maestoso tacco di Perda Liana è senz’altro una delle bellezze naturalistiche più immediatamente riconoscibili dell’Ogliastra. Un torrione calcareo di quasi 1.300 metri, ai piedi del quale si sviluppa uno dei percorsi di trekking più suggestivi in Ogliastra. Si tratta del sentiero T-101, lungo circa 10 km.

Il punto di partenza della vostra escursione in questo lato della Sardegna è la fonte di Genna Filixi. E’ la “porta” di quest’area naturale protetta nata nei primi anni Novanta. Per iniziare l’escursione si risale verso il torrione percorrendo una stradina asfaltata di circa 4,5 km. Il percorso sale da quota 980 fino a 1060 metri s.l.m.. Al punto di partenza del sentiero pedonale (e dell’itinerario) si può arrivare anche in auto, lasciandola sul piazzale della località Pinnigassu.

Dall’area di sosta comincia l’itinerario vero e proprio di questa gita in Sardegna, che porta alla base del tacco di Perda Liana. Attorno al torrione si sviluppa un percorso ad anello, una camminata pianeggiante della lunghezza di circa 2,5 km durante la quale è possibile ammirare da tutti i lati la struttura. Il tonneri (così si chiama nella lingua locale), che testimonia un’epoca antica in cui tutta la zona era ricoperta di rocce calcaree. E dà vita a uno straordinario contrasto cromatico con il cielo azzurro.

L’escursione lungo l’anello T-101 di questo sentiero della Sardegna continua poi in discesa. Il sentiero si fa leggermente tortuoso e porta alla valle del rio Su Sammuccu, attraversando un’area verde di lecci e macchia mediterranea. Su Sammuccu dista 1,5 km e, una volta arrivati, all’altezza del vivaio forestale si incontra un’area attrezzata. Qui troverete anche diverse fonti di acqua fresca, qualora si volesse fare una pausa e rendere meno pesante la camminata.

Ripartendo da Su Sammuccu, poi, ci si dirige nuovamente verso Genna Filixi su una sterrata carrabile. In questo modo completerete il percorso di trekking nello stesso punto in cui era iniziato. Questo sentiero prevede anche una possibile variante. Dopo aver girato attorno a Perda Liana, il sentiero 101A e poi il T-113 (vedi) portano verso la foresta demaniale di Montarbu, in territorio di Seui.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Su Marmuri

Un altro splendido sentiero all’interno dei Tacchi d’Ogliastra. Un percorso ad anello che parte dalla splendida cittadina di Ulassai e vi fa ritorno dopo 16,3 chilometri tra grotte misteriose, stupefacenti cascate e maestosi altopiani calcarei

Punta Corongiu

Nei suoi 6 chilometri, il sentiero verso Punta Corongiu è considerato uno dei percorsi più belli (ma anche impegnativi) fra quelli dei Tacchi d’Ogliastra. La vista all’arrivo, però, è davvero mozzafiato.

Genna Silana-Gorropu

Il trekking dal passo di Genna Silana alla gola di Gorropu è un percorso in salita abbastanza impegnativo, che regala però una vista mozzafiato sul canyon più famoso della Sardegna.

Servizi e Contatti

Consigliati per te
Sentiero Pranedda Ollastu-Nuraghe Adoni: Dalla vedetta di Pranedda Ollastu, situato in località Sa minda de is Orrus, fino al complesso nuragico di Adoni

Il nuraghe Scerì a Ilbono

Un piccolo villaggio che racconta la vita in questa terra molti secoli addietro. Il sito è composto da un nuraghe con annesso villaggio e due domus de janas.

Sa Seadas con il miele

SEADAS

il dolce sardo più celebre anche oltre mare formato da una sorta di tasca chiusa di pasta di semola ripiena di formaggio, simile a un grande raviolo, ha origini molto antiche.

foto_seui_paese

Su Prugadoriu a Seui

L’Halloween seuese, da tradizione antica dei bambini per alleviare le sofferenze delle anime, diventa festa popolare tra prodotti tipici e artigianato locale