Gairo Taquisara-Perdu Isu

Dalla grotta di Taquisara fino al villaggio nuragico Perdu Isu, questo itinerario mostra il lato più ancestrale della Sardegna

Mappa Itinerario

mappa-in-lavorazione

Un tuffo in un passato antichissimo. Potrebbe essere questo il sottotitolo del sentiero che va da Gairo Taquisara fino al nuraghe di Perdu Isu. Tredici chilometri di trekking nell’Ogliastra che si riescono a completare in sole sei ore. E che potrebbero far seguito ad una piccola esplorazione nella grotta Taquisara. Questa si trova poco sopra il paese di Gairo Taquisara e ha diverse sale. Il percorso si dipana sottoterra per 700 metri e si possono osservare stalattiti e stalagmiti che unendosi formano imponenti colonne. Altre invece sono così sottili e fini da condurci fino al rarissimo “latte di monte”.

Ma torniamo al percorso della nostra gita in Sardegna. Partendo da Gairo Taquisara, imboccate il tracciato, per la maggior parte panoramico, sulla valle del Rio Taquisara fino alla parte superiore del tacco calcareo. Una terra brulla, che insieme ad altre aree simili trovano il soprannome locale di “Montagne della luna”. Qui scoprirete praterie aride e moltissime cavità naturali fino a giungere ad Is Tostonius. Qui la fauna cambia grazie alla presenza di lecci maestosi, di nuraghe e cuiles. Si tratta di edifici rurali in legno e pietra, storiche dimore dei pastori sardi usati anche per allevare maiali, pecore e capre. Sempre a Is Tostonius troverete un’area pic-nic per riposarvi e rifocillarvi. Da qui seguite verso la fonte di Donna Pruna, luogo ricco di vegetazione spontanea dove spicca l’agrifoglio.

GairoGairo Da Donna Pruna riprendete il percorso che vi ha portato a Is Tostonius e seguite fino a Perdu Isu: si tratta di un villaggio nuragico particolarmente affascinante anche perché si raggiunge attraversando un tacco calcareo coperto da un bosco di leccio sulla cui cima c’è il sito, con vicino un pozzo sacro sempre di epoca nuragica. La vostra meta è raggiunta: qui fermatevi un attimo a contemplare la vallata scistosa del Riu Pardu e poi seguite il percorso ad anello che vi riporterà verso Gairo Taquisara.

Informazioni aggiuntive

Altri sentieri:

Su Marmuri

Un altro splendido sentiero all’interno dei Tacchi d’Ogliastra: un percorso ad anello che parte dalla splendida cittadina di Ulassai e vi fa ritorno dopo 16,3 chilometri tra grotte misteriose, stupefacenti cascate e maestosi altopiani calcarei

Punta Corongiu

Nei suoi 6 chilometri, il sentiero verso Punta Corongiu è considerato uno dei percorsi più belli (ma anche impegnativi) fra quelli dei Tacchi d’Ogliastra. La vista all’arrivo, però, è davvero mozzafiato.

Montarbu-Perda Liana

Un itinerario di trekking affascinante, da una delle vette più alte della zona, che permette di spaziare con lo sguardo su tutte le bellezze dell’ogliastra, fino al maestoso tacco di Perda Liana costeggiando la voragine carsica di Su Stampu.

Consigliati per te
Prosciutto crudo

Sagra del prosciutto a Talana

Degustazioni, sfilate in abiti tradizioni, balli, canti e la riscoperta degli antichi mestieri la prima domenica di agosto in piazza Sa Carrera

foto_seui

PERCORSO MUSEALE MONUMENTALE SEHUIENSE

Il cuore di questo paese della Sardegna del Sud è caratterizzato da case in pietra di scisto che popolano strade tortuose nell’architettura del centro storico di chiaro impianto medioevale.